Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
21 febbraio 2012 2 21 /02 /febbraio /2012 15:38

mistermedia_23febb.jpg

Giovedì 23 febbraio 2012 ore 9.30 presso Sala Conferenze ex hotel Bologna Via di S. Chiara, 5 a Roma è stato presentato  Rapporto anuale Minorities Stereotypes on Media. Da parte dell'ANSI ha partecipato Khalid Chaouki. Secondo una ricerca che ha monitrato l’intera offerta informativa radiotelevisiva per 275 giorni, analizzando oltre 7 mila file, migranti, rom e persone lgbt compaiono solo in casi di cronaca. E prevale un’immagine negativa

ROMA – Marginalità, semplificazione, distorsione e stereotipi. Sono le caratteristiche dello spazio che hanno le minoranze a rischio discriminazione sui media italiani. Lo afferma la ricerca Minorities Stereotypes on Media (Mister Media), progetto nato dalla collaborazione tra il Centro D’Ascolto dell’Informazione Radiotelevisiva e il Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale della Sapienza, e  con il supporto di Open Society Foundations. La ricerca si basa un un monitoraggio effettuato 24 ore su 24 dell’intera offerta radiotelevisiva di informazione - le news, i programmi di approfondimento, attualità e infotainment in un periodo di rilevazione che va dal 1 luglio al 31 dicembre 2010 e dal 1 aprile al 30 giugno 2011, per un totale di 275 giorni. Il totale dei “file” (servizi tg o gr, trasmissioni tv o radio) analizzati è di 7153 (circa l’80% dei quali sono contenuti radiofonici), vale a dire una media di circa 26 “passaggi” al giorno in cui sono state trattate minoranze o eventi che coinvolgessero appartenenti a minoranze.
Nella ricerca si intendono per minoranze alcuni gruppi sociali soggetti a discriminazione, vale a dire gli immigrati, rom e sinti, gay lesbiche e transessuali, religioni minoritarie e ex tossicodipendenti ed ex detenuti. “Le minoranze sembrano risentire di una marginalità informativa, a prima vista derivante da una semplicistica, e quindi discutibile, equazione concettuale in base a cui, riguardando una porzione ridotta della società, esse sono destinate a suscitare un’attenzione ridotta da parte della maggioranza del corpo sociale” si legge nel rapporto. Sotto accusa finiscono il modo di selezionare le notizie nelle redazioni radiotelevisive italiane, il linguaggio utilizzato e la scarsa conoscenza dei fenomeni sociali da parte di chi fa informazione. I giornalisti italiani scelgono le notizie in base a ciò che ritengono di maggiore interesse per il pubblico e quindi le minoranze, proprio perché tali, restano sullo ‘sfondo’ del panorama informativo italiano. “Soltanto quando gli eventi legati alle minoranze sono considerati il frutto di comportamenti “devianti” questi sembrano assumere una maggiore visibilità, riuscendo a soddisfare altre regole dell’informazione (ad esempio bad news good news)” continua l’analisi Minorities Stereotypes on Media, presentata oggi a Roma.  
Migranti, rom, tossicodipendenti o omosessuali diventano temi “appetibili” per i mass media italiani soltanto quando compiono atti devianti e finiscono nel calderone della cronaca nera. “L’esito finale che spesso ne deriva è la proliferazione di argomenti simili, caratterizzati da linguaggi ripetitivi, capaci di alimentare e perpetuare luoghi comuni e stereotipi – conclude la ricerca -  Le minoranze, sono  una parte della realtà sociale ritenuta “diversa” perché poco conosciuta.

Ad esempio l’immigrazione “spesso fa notizia quando diventa problema o emergenza: così i migranti, o più semplicemente gli immigrati, si trasformano in una minaccia costante alla sicurezza e alla cultura degli italiani”, si legge nel rapporto Mister Media. Lo stesso trattamento viene riservato anche a molte altre minoranze, producendo l ‘equazione fra devianza e minoranza,  con effetti deleteri che influenzano la percezione del pubblico. La ricerca è stata sia quantitativa che qualitativa e si è avvalsa di alcuni ‘focus group’, uno dei quali si è tenuto con giornalisti delle principali testate italiane fra radio, tv e agenzie di stampa. Dall’incontro è emerso che “ un ruolo decisivo viene giocato anche dalla politica; in particolare, osservando il ritratto radiotelevisivo delle minoranze è evidente la stretta interdipendenza tra l’agenda dei media e i temi “caldi” della politica”. I media italiani risultano conformisti rispetto alle versioni della realtà sociale fornite dai politici quando si parla di minoranze. “In questo ambito – conclude la ricerca - il discorso giornalistico incontra non poche difficoltà nella creazione di un racconto autonomo della realtà, risentendo in molti casi dei desiderata e dei protagonismi della politica”. (rc) 

© Copyright Redattore Sociale

Informazioni di back ground:

Minorities Stereotypes on Media, progetto nato dalla collaborazione tra il Centro D’Ascolto dell’Informazione Radiotelevisiva e il Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale della Sapienza, con il supporto di Open Society Foundations, presenta i dati del monitoraggio della rappresentazione delle minoranze sui mezzi di informazione italiani.

Durante la ricerca sono stati monitorati 24 ore su 24 tutti i notiziari e le trasmissioni di approfondimento, dai talk show ai programmi di attualità, in programmazione sui canali nazionali dal 1 luglio al 31 dicembre 2010 e dal 1 aprile al 30 giugno 2011. Le categorie prese in considerazione nell'indagine includono le minoranze nazionali, culturali, religiose, i gruppi con diversi orientamenti sessuali e alcune delle figure tipicamente considerate devianti (detenuti, tossicodipendenti, etc.), spesso oggetto di discriminazione sociale.

Sono stati analizzati 7.153 tra telegiornali o radiogiornali nazionali e trasmissioni televisive e radiofoniche per una media di circa 26 “passaggi” al giorno in cui sono state trattate notizie relative alle minoranze. A rappresentare il luogo privilegiato di costruzione del discorso mediale sulle alterità è la categoria "immigrati" (e "rifugiati"), ma significativa è anche la presenza delle minoranze "etno-culturali" e di quelle "religiose".

Rispetto alla radio, la televisione sembra appiattire il discorso sulle minoranze sulla categoria "immigrati" e, considerando i soli contenuti televisivi, il divario tra questa categoria e le altre aumenta considerevolmente. Di contro, la presenza delle altre tipologie di minoranze è sicuramente più significativa all’interno della radio, a conferma della maggiore capacità di questo medium di accendere l’attenzione su una pluralità di temi.

Hanno preso parte all'evento: Pietro Marcenaro, Presidente Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani, Emma Bonino, Vicepresidente del Senato, Gianni Betto, Direttore del Centro d’Ascolto dell’Informazione Radiotelevisiva, Mario Morcellini, Direttore del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale della Sapienza, Roberto Natale, Presidente della FNSI, Francesca Danese, Presidente del Cesv Lazio.


 

Condividi post

Repost 0
ansi-intercultura - in Comunicati
scrivi un commento

commenti

Giornalismo e Intercultura

logoansiPagina ufficiale  della Associazione Nazionale Stampa Interculturale

 

FB-rid  Facebook 

 

twitt-rid.jpg Twitter

 

linkdin-rid.jpg

LinkedIn


Con il sostegno di

OS-rid.jpg

Archivi

Partners

FNSIsubalpina

Fij-rid

cospe